RISOLVO PROBLEMI

La citazione, liberamente tratta da Mr. Wolf (Harvey Keitel) di Pulp Fiction, l’ultimo capitolo della “trilogia pulp” di Quentin Tarantino, in qualche modo (anche se per la verità ognuno ha il suo), sintetizza il “mestiere” dell’avvocato, chiamato, per l’appunto, a risolvere il problema del proprio cliente.

La soluzione del problema richiede una sinergia tra avvocato e cliente.

La cooperazione tra cliente e avvocato è, infatti, essenziale per definire esattamente la situazione giuridica da affrontare: raccogliere tutte le informazioni (e i documenti) sul caso, verificare che le stesse siano corrette (e i documenti rilevanti), non dare nulla per scontato, pianificare l’attività da svolgere, tenere informato il cliente in modo puntuale anche in merito ai rischi e ai costi della lite, quando non sia possibile prevenirla, costituiscono i capisaldi del rapporto di collaborazione.

Poi ovviamente a ognuno il suo, e per rendere un doveroso omaggio alla citazione, una volta definito il problema, l’avvocato sarà chiamato a risolverlo proprio come farebbe Winston Wolf.

IL METODO DI LAVORO

Il mio approccio al caso da trattare e risolvere non può prescindere da un rapporto di collaborazione con il cliente.

Non è sufficiente scrivere che il mio studio, forte dell’esperienza maturata sul campo in quasi vent’anni di professione e di un’ininterrotta attività di studio e formazione, è in grado di offrire al cliente servizi legali che spaziano dalla consulenza all’assistenza nell’ambito del contenzioso del lavoro e civile in ogni stato e grado del processo, all’assistenza nei procedimenti di mediazione e in quelli di natura disciplinare, se non partendo dalla premessa iniziale.

Per rispondere in modo efficace e puntuale alle esigenze del cliente, quindi, anche quando, in relazione alla complessità e/o alla particolarità del caso trattato, la difesa imponga un approccio di tipo multidisciplinare, è necessario che il cliente sia protagonista nel senso anzidetto e per esserlo deve essere adeguatamente informato sul lavoro da svolgere, sui possibili rischi che il “suo” caso presenta, sulle spese che dovrà affrontare.

SUL DOVERE DI INFORMARE

L’avvocato e il cliente, il più delle volte, non parlano lo stesso linguaggio e l’utilizzo di termini tecnici può produrre una distanza fisiologica che il professionista ha il dovere di colmare proprio per creare quella sinergia che è alla base del successo della relazione.

L’informazione deve essere, dunque, adeguata alla tipologia di cliente ed è il professionista a doversi impegnare per eliminare ogni possibile distanza. E’ per questa ragione, del resto, che il dovere di informare assume una particolare importanza anche sotto il profilo deontologico.

L’art. 27 del Codice Deontologico stabilisce che l’avvocato, quando assume l’incarico professionale, deve, tra l’altro, informare il cliente:

 

delle caratteristiche dell’incarico
dell’importanza del suddetto
delle attività da espletare, con la precisazione delle ipotesi di soluzione
della prevedibile durata del processo
degli oneri ipotizzabili

AREE DI ATTIVITA'

L’attività dello studio legale Doglio si concentra nei diversi settori del diritto civile e del lavoro, sia contenzioso che stragiudiziale. Talvolta il caso da trattare richiede l’intervento di un team di avvocati/consulenti che collaborano sulle pratiche che coinvolgono svariati aspetti del diritto e diverse specializzazioni.

DIRITTO E CONTENZIOSO DEL LAVORO

DIRITTO DELLA CONCORRENZA

RECUPERO CREDITI

DIRITTO DI PROPRIETA’ E DIRITTI REALI

OBBLIGAZIONI E CONTRATTI

DIRITTO DI FAMIGLIA

SUCCESSIONI LEGITTIME E TESTAMENTARIE

DIRITTO BANCARIO E DELL’INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

RESPONSABILITA’ CONTRATTUALE E DA FATTO ILLECITO

“Io sono inferiore a qualsiasi uomo
i cui diritti calpesto sotto i piedi”

Horace Greeley

BLOG NEWS

Concessione aspettativa, medico

Dirigenza medica del S.S.N. – Diritto all’aspettativa ex art. 10, comma 8, lett. b, CCNL 10.02.2004

L’art. 10, comma 1 e 8 del CCNL del Personale  della Dirigenza Medico-Veterinaria del S.S.N.  del 10 febbraio 2014, nella sua
Diritto all'Incarico dopo 5 anni di servizio

Dirigenti medici – sul diritto al conferimento dell’incarico professionale dopo 5 anni di servizio

L’articolo 15, comma 4, D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, nel testo attualmente vigente – in vigore dal 27.09.2000 –
violazione del diritto al riposo

Violazione del diritto al riposo compensativo dopo un turno di pronta disponibilità festiva

Con una recente sentenza (n. 1291/2016), il Tribunale di Cagliari, dopo aver distinto tra reperibilità cd. passiva (ossia senza chiamata

INDIRIZZO

VIA GRAZIA DELEDDA 74 CAGLIARI

TELEFONO

0706670413 – 3395706257

CONTATTA LO STUDIO DOGLIO